Interior Design

Enjoy your shop

Arredamento Locali Pubblici

Trust the young people; trust this generation's innovation.

Soluzioni d'arredo chiavi in mano per bar, ristoranti, gelaterie, negozi, cucine, farmacie

Interior Design

Enjoy your shop

Arredamento Locali Pubblici

Trust the young people; trust this generation's innovation.

Soluzioni d'arredo chiavi in mano per bar, ristoranti, gelaterie, negozi, cucine, farmacie

Interior Design

Enjoy your shop

Arredamento Locali Pubblici

Trust the young people; trust this generation's innovation.

Soluzioni d'arredo chiavi in mano per bar, ristoranti, gelaterie, negozi, cucine, farmacie

Interior Design

Enjoy your shop

Richiedi un PREVENTIVO personalizzato

The truth is that there is no actual stress or anxiety in the world

Contattaci e richiedi un preventivo o una consulenza gratuita per realizzare o ristrutturare il tuo locale

previous arrow
next arrow
Slider

La scelta di aprire un Wine Bar (di successo)

12 Luglio 2022

È un tipo di locale che oggi trova molto riscontro, abbracciando diverse generazioni, perché è un segmento in crescita, che incuriosisce e coinvolge. A patto che la scelta dei prodotti somministrati siano selezionati, ricercati e di prima qualità. Senza dimenticare che è la formazione dell’“oste” che determinerà la differenza.

Il buon vino può fare miracoli: non solo perché riesce ad esaltare il gusto dei cibi a cui viene abbinato, ma anche perché riesce a creare un’atmosfera intima tra i commensali che si ritrovano a berlo in compagnia. La partenza determina la direzione: meglio partire dall’elaborazione di un dettagliato business plan che stabilisca da dove si vuole partire. Sarà una semplice enoteca con rivendita di vini sfusi e bottiglie? O un locale dedicato alla degustazione da consumare in loco? Queste due strade già permettono di individuare lo stile e anche l’investimento necessario.
Fatta questa distinzione, bisogna necessariamente essere esperti conoscitori, dotati possibilmente di spiccate doti comunicative e relazionali. Di conseguenza è necessario investire dapprima sulla formazione, magari frequentando un corso da sommelier, che consente di acquisire le conoscenze basiche sulle varie tipologie del prodotto.

Da non sottovalutare è anche la scelta del luogo: per aprire un’enoteca non servono spazi molto grandi (una buona area sono almeno 50 mq), ma l’eventuale avvio di un wine bar dovrebbe spingervi a preferire locali sufficientemente comodi, dove i clienti ritrovano, in primis, la tranquillità. Particolare attenzione dovrà essere destinata anche all’arredo del locale: se riuscirete a creare un ambiente caldo, accogliente e sufficientemente ricercato, i clienti lo preferiranno. A patto che, riescano a trovare una gamma di prodotti vasta, per (quasi) tutte le tasche. Dai vini sfusi a quelli in bottiglia, dovranno essere presenti centinaia di etichette tra ricercate, estere, locali, a km 0, artigianali e commerciali, con una gamma dei prodotti sufficientemente originale per distinguersi dalla concorrenza. Oltre ai vini si potranno offrire birre artigianali, e non, in bottiglia ed alla spina, cocktail ed apertivi, piatti freddi, taglieri ed antipasti, piatti caldi e gourmet, prodotti locali, ecc.

Cosa serve per aprire un’enoteca wine bar? Sicuramente un diploma di scuola alberghiera o, in alternativa, certificare un’esperienza lavorativa di almeno due anni nel settore turistico-alberghiero. Ma anche frequentando un corso Sab (somministrazione alimenti e bevande) che prevede il rilascio di un apposito certificato. È poi obbligatoria la certificazione Haccp, che attesta la conoscenza delle norme igieniche e comportamentali che devono essere rispettate quando si servono cibi e bevande ai clienti. Ultimo ma non meno importanti sono i seguenti step:
- presentare al Comune la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività), che permette di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva;
- ottenere il nulla osta dell’Asl, che deve attestare il rispetto delle normative igienico-sanitarie, e richiedere il rilascio della licenza alcolici all’Agenzia delle Dogane (chi non lo fa, rischia di incorrere in sanzioni salatissime).
- aprire la Partita Iva e avviare l’iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio.

Indicativamente i margini di guadagno per quanto riguarda la vendita al calice di vino sono di circa il 70/80 %, mentre per la vendita di bottiglie si aggirano sul 30% circa.

Contattaci!

Copyright © www.cavigar.it. Powered by magulab.it

Premi INVIO per iniziare la ricerca

Cavigar

Sede legale ed esposizione:
Via Bigarello, 1
Stabilimento:
Via Marconi, 35
46032 - Castelbelforte - Mantova (MN)
Tel 0376 42668 - Fax 0376 42072
P. IVA e C.F.: 00170660203 - R.E.A.: MN87322

Orari di ufficio e apertura al pubblico: 

  • dal lunedì al venerdi 8.30 - 13 e 14 - 18
  • Il sabato e la domenica si riceve previo appuntamento

Contatti:

  • Tel.: 0376 42668
  • Fax: 0376 42072
Per avere maggiori informazioni su tutto ciò che riguarda la progettazione e l'arredamento di locali ed esercizi pubblici o richiedere un preventivo personalizzato, vi invitiamo a compilare l'apposito form online

CONTATTACI